Invio

In questa pagina abbiamo riportato alcune delle esperienze che i ragazzi del nostro territorio hanno avuto modo di fare all’estero attraverso i nostri progetti:

Project Tbexbix – Malta

Tra 2011 e 2012 due ragazze italiane, Alice di Chieti e Cristina di Genova, hanno avuto l’opportunità di partecipare al progetto di Servizio Volontario Europeo “Project Tbexbix”, promosso dall’organizzazione maltese Centru Tbexbix www.tbexbix.org , con il CSV di Chieti nel ruolo di organizzazione di invio.

Le due  ragazze sono state impegnate, rispettivamente da dicembre 2011 a giugno 2012 e da luglio a novembre 2012, nelle attività di educazione non formale del Centru Tbexbix di Malta, per favorire la partecipazione attiva di donne, bambini e adolescenti nella vita della loro comunità.

Le ragazze hanno supportato le iniziative dopo-scuola che il Centro offre ai bambini di età compresa tra 5-13 anni, quali corsi di lingua, laboratori linguistici, sport e yoga. Durante il periodo estivo le volontarie hanno curato l’offerta di corsi e laboratori rivolti a tutti, giovani e meno giovani, e cittadini in generale.
Le volontarie italiane ospitate hanno partecipato e organizzato una vasta gamma di attività:

  • supporto agli docenti dei corsi d’inglese con tutoraggio, monitaraggio e valutazione in aula, nonché piccoli compiti amministrativi;
  • gestione di sessioni creative per promuovere la libera espressione dei bambini attraverso varie forme d’arte;
  • supporto in corsi di recitazione , corsi di musica , gite culturali ed educative , campagne di sensibilizzazione agli stili di vita sani , educazione ambientale, ecc…;
  • supporto alle attività generali dell’organizzazione, attività di raccolta fondi, formazione, relazioni esterne, ecc…

Le volontarie sono state accompagnate dall’organizzzione di accoglienza  in un percorso di acquisizione delle competenze necessarie per lo svolgimento dei compiti loro assegnanti.
Nel corso della loro esperienza a Malta, le volontarie si sono sentite parte di un team dinamico, sia lavorando in team sia singolarmente, acquisendo con il tempo maggior sicurezza e fiducia in sé stesse.

 

Teaching tolerance – Bulgaria

Il CSV di Chieti è partner sending organisation nel progetto di Servizio Volontario Europeo “Teaching tolerance”, promosso dall’organizzazione bulgara Mackenzie.

Da novembre 2013 a ottobre 2014, Pietro – un giovane di Lanciano (CH) – svolge il suo servizio insieme ad un’altra volontaria armena a Burgas, città di circa 200.000 abitanti sulla costa del Mar Nero, in Bulgaria. L’associazione Mackenzie, che ha accolto i volontari e coordina il progetto, è impegnata da anni nella promozione della solidarietà e dell’impegno civico dei giovani nella società bulgara, che a causa del passato regime e di una generale arretratezza socio-economica si è aperta solo negli ultimi 10-15 anni al mondo e ai modelli di vita occidentali.

I volontari sono integrati nelle abituali attività con i giovani delle scuole locali e nell’organizzazione di seminari, corsi di formazione e piccoli eventi. Inoltre i volontari ospiti a Burgas svolgono attività quotidiane in ufficio, curando report, preparndo documenti, aggiornando siti internet e pagine web dell’associazione e altri mansioni similari. Inoltre il progetto rappresenta un bella opportunità per migliorare l’inglese, poiché sebbene l’organizzazione sia composta di personale bulgaro, la lingua di lavoro dell’ente è anche l’inglese.  Un quadro preciso delle attività dell’organizzazione Mackenzie nell’ambito di questo progetto e le testimonianze dei volontari in esso coinvolti sono disponibili alla pagina www.mackenziebg.org

 

Volunteering over Adriatic: SEE and explore IT! – Montenegro

Il progetto “Volunteering over Adriatic – SEE and explore IT!”, in cui il CSV di Chieti è organizzazione di coordinamento ed invio, ha offerto a Daniele, un giovane di Spoltore (Pescara) l’opportunità di vivere un’esperienza di volontariato di 10 mesi a Podgorica (Montenegro) nel quadro di un variegato programma di servizi educativi rivolti alla comunità locale.

Le attività portate avanti dal volontario all’interno dell’organizzazione che lo ospita, ADP – Zid di Podgorica, contribuiscono a sviluppare la solidarietà e promuovere la comprensione reciproca tra i giovani.

Obiettivi del progetto:

  • stimolare la partecipazione attiva dei giovani nel territorio di Podgorica e aumentare la loro consapevolezza di essere cittadini europei , promuovendo la riflessione sulla società europea contemporanea e i suoi valori , attraverso attività di educazione non formale che il volontario ospitato sta svolgendo;
  • promuovere la cittadinanza attiva;
  • facilitare lo scambio di esperienze e punti di vista tra il volontario SVE , i giovani locali e gli altri membri della comunità locale;
  • sensibilizzare l’opinione pubblica sulla dimensione interculturale della costruenda società europea
  • favorire l’educazione interculturale dei giovani e identificare valori comuni , nonostante le differenze culturali esistenti;
  • contribuire alle attività dell’organizzazione dell’Associazione ospitante, quali laboratori didattici interculturali e percorsi di educazione non formale all’interno delle scuole per incoraggiare i giovani locali a diventare cittadini attivi.

 

Lascia un commento