Campi di volontariato

Il campo di volontariato (workcamp) è un progetto di volontariato promosso da un ente locale o da un’organizzazione non profit che ha lo scopo di incoraggiare l’apertura verso “lo straniero” attraverso un’attività di utilità sociale, culturale o ambientale. Nato dopo la seconda guerra mondiale, il workcamp coinvolge gruppi di giovani provenienti da diversi paesi del mondo che in cambio di vitto e alloggio partecipano ad attività utili alla comunità che gli ospitano. Questa piccola esperienza di volontariato permette il dialogo e lo scambio di idee tra persone di diverse culture consentendo così la conoscenza “dello straniero”, l’abbattimento di pregiudizi e stereotipi al fine di favorire l’integrazione, promozione della pace, il rifiuto alla guerra e il rispetto delle differenze.

 

Gli ambiti del workcamp

I giovani possono scegliere il workcamp più adatto a loro. Infatti le associazioni, gli enti locali e le istituzioni che operano senza fini di lucro possono scegliere in quale ambito sviluppare il workcamp tra ambiente, patrimonio culturale, progetti sociali, costruzione, assistenza in caso di disastro e rifugiati.

Come partecipare:

La partecipazione ai campi di volontariato ha regole diverse, in base ad alcuni parametri legati soprattutto al periodo e al paese di destinazione.

Va notato che alcune organizzazioni sono più rigide nel rispetto di questi parametri, mentre altre lo sono meno.
Tale rigidità va intesa come rispetto di regole che sono pensate a tutela dei volontari e delle organizzazioni che li devono ospitare.
Il mancato rispetto di queste regole (legate soprattutto alla motivazione e alla preparazione dei volontari e delle volontarie), in alcuni campi, può rivelarsi se non proprio pericoloso, certamente nocivo della tranquillità dei progetti e degli stessi volontari.

Per i campi di InformaGiovani le regole sono le seguenti:

  • avere l’età minima richiesta per il campo scelto (di solito 18 anni per l’estero e 16 per l’Italia, ma ci sono campi per minorenni anche all’estero – seleziona la tua età nel database di ricerca)
  • versare la quota di partecipazione (70 euro tranne pochi casi eccezionali in cui è ridotta a 20)
  • essere socio dell’associazione (la tessera costa 30 euro ed ha una durata annuale)
  • per i campi in America Latina, Asia Meridionale, Africa e Medio Oriente, occorre dimostrare di avere precedenti esperienze di volontariato internazionale e/o volontariato sociale che dimostrino la preparazione all’esperienza. Una lettera di motivazione è richiesta insieme al modulo di candidatura.

Per iscriversi CLICCA QUI per consultare tutte le opportunità a disposizione sul sito Pensa Europa.

Lascia un commento